Riparare strumenti musicali in latta

Così si rimettono in sesto le tube con qualche ammaccatura
Autore: Roberto Savaia, Serra Riccò, Italia, [email protected]
Roberto dall'Italia ripara da solo le ammaccature dei suoi strumenti a fiato con l'aiuto dei Supermagneti.
A questo scopo utilizza il nostro gancio magnetico più grande FTN-63 insieme al nostro disco magnetico gigante 45x30 mm .
Il gancio magnetico gli offre una comoda impugnatura che il disco altrimenti non gli offrirebbe.
Qui si vede un Euphonium ammaccato.
Poi lascia rotolare una sfera di metallo un po' più piccola dell'ammaccatura all'interno dello strumento. La sfera di metallo si ferma naturalmente sotto il magnete. Quindi muove il magnete di qua e di là sopra la latta, così la sfera spinge pian piano la latta verso l'esterno.
Per evitare di graffiare lo strumento ha inserito il rivestimento di un tamburo tra lo strumento e il magnete e ha applicato un po' d'olio tra la pelle del tamburo e lo strumento.
E questo è lo strumento dopo la riparazione. Tutte le ammaccature sono completamente scomparse.
Qui viene riparato uno strumento più grande: una tuba.
Prima
Prima
Dopo
Dopo
E' davvero sbalorditivo, funziona a meraviglia!
Martello al rovescio
Martello al rovescio
Per eliminare le ammaccature nelle parti più dure dello strumento, Roberto ha inventato un "martello al rovescio". Si tratta di un'asta (non magnetica, ad es. di rame) con un pesante blocco mobile di metallo sul suo asse (ad es. la testa di un normale martello), un magnete a un'estremità e un respingente all'altra estremità dell'asta (vedi disegno). Ora, se si fa sbattere la testa del martello contro il respingente, una parte di questa energia viene trasmessa dal magnete alla sfera di metallo e questa batte da dentro contro l'ammaccatura.
Dopo essersi esercitato per un po' con i suoi vecchi strumenti, Roberto ha osato provare con la sua tuba da concerto da 10.000 euro (Besson Sovereign 994 in BBb).
Come si può vedere, con un ottimo risultato.